Vulcano Ijen, Indonesia: il lago acido più grande al mondo

Sharing is caring!

Il vulcano Kawah Ijen, sull’isola di Giava, in Indonesia, è caratterizzato da due degli eventi naturali più insoliti sulla Terra.

Fiamme blu | Il primo è una solfatara attiva che emette gas solforosi caldi e infiammabili. Questi gas si accendono entrando nell’atmosfera ricca di ossigeno della Terra e bruciano con una fiamma blu elettrico. Parte del gas si condensa nell’atmosfera per produrre flussi di zolfo fuso che bruciano anche con una fiamma blu elettrico. Le fiamme sono difficili da vedere durante il giorno ma illuminano il paesaggio di notte.

Fiamme blu_Vulcano Kawah Ijen
Le Fiamme Blu del Kawah Ijen. Una scena notturna alla solfatara nella caldera del vulcano.

Il lago acido più grande al mondo | Il secondo evento è un lago caldera largo un chilometro pieno di acqua turchese. Il colore dell’acqua è il risultato della sua estrema acidità e di un’elevata concentrazione di metalli disciolti. È il lago altamente acido più grande del mondo. La causa della sua acidità è un afflusso di acque idrotermali cariche di gas da una camera magmatica sottostante.

Lago acido_Kawah Ijen
Lago acido: la luce del mattino illumina il lago della caldera color turchese sul vulcano Kawah Ijen. Un pennacchio bianco segna la posizione della solfatara, dove i gas ricchi di zolfo fuoriescono da uno sfiato. Il colore turchese dell’acqua è causato dalla sua estrema acidità e dal contenuto di metallo disciolto.

 

 

I depositi di zolfo del vulcano Ijen

Un flusso continuo di gas carichi di zolfo esplode dalle fumarole presso la solfatara in riva al lago. Questi gas caldi viaggiano sottoterra in assenza di ossigeno. Se sono abbastanza caldi quando emergono da uno sfiato, lo zolfo si accende al contatto con l’ossigeno nell’atmosfera. Spesso la temperatura è sufficientemente bassa che lo zolfo si condensa, cade a terra come un liquido, scorre a breve distanza e si solidifica. Questo produce un deposito rinnovabile di zolfo minerale che la gente del posto estrae e porta ad una raffineria di zucchero locale che lo acquista.

 

I minatori del vulcano Ijen e l’estrazione dello zolfo

Estrazione di zolfo_Minatore_Kawah Ijen
Estrazione di zolfo a Kawah Ijen: un minatore che trasporta due grandi cesti carichi di zolfo. I minatori esperti trasportano spesso carichi di zolfo che superano significativamente il loro peso corporeo.

I minatori del Vulcano Kawah Ijen risalgono ogni notte il fianco della montagna e poi scendono pericolosi sentieri rocciosi lungo le ripide pareti della caldera. Quindi, usando barre di acciaio, rompono lo zolfo da uno sperone, caricano le ceste e fanno il viaggio di ritorno alla raffineria. Fanno uno o due viaggi al giorno trasportando fino a 80 Kg di zolfo a viaggio. La raffineria li paga in base al peso dello zolfo che forniscono. La paga ammonta a pochi euro a viaggio. I minatori più ambiziosi e fisicamente in forma possono fare anche due viaggi al giorno.

Negli anni, i minatori hanno trasportato centinaia di sezioni di tubi sulla montagna. Questi sono stati utilizzati per catturare i gas prodotti da numerose prese d’aria e indirizzarli in un’unica area dove il loro zolfo si riversa su un’area di lavoro a livello. Ciò rende la raccolta più efficiente e sicura per i minatori.

L’estrazione di zolfo a Kawah Ijen comporta chiaramente dei rischi. I sentieri ripidi sono pericolosi, i gas sulfurei sono velenosi e occasionali rilasci di gas o eruzioni freatiche hanno ucciso nel tempo molti minatori.

Il vulcano Kawah Ijen è uno dei pochi luoghi sulla Terra dove lo zolfo è ancora prodotto dai minatori artigianali. Oggi, la maggior parte dello zolfo mondiale è realizzato come sottoprodotto della raffinazione del petrolio e della lavorazione del gas naturale. Quasi 70 mila tonnellate di zolfo vengono prodotte con questi metodi. Una combinazione di bassi salari e una piccola domanda locale di zolfo nativo sostiene invece l’estrazione artigianale a Kawah Ijen.

 

La storia vulcanica del Kawah Ijen

Circa 300.000 anni fa, l’attività vulcanica in quest’area iniziò a costruire un grande stratovulcano che oggi si chiama “Old Ijen”. Nel corso di migliaia di anni e a causa di ripetute eruzioni questo stratovulcano è cresciuto fino a un’altezza di circa 3.000 m.

Circa 50.000 anni fa, una serie di enormi eruzioni esplosive produsse una caldera di circa 16 Km di diametro. Negli ultimi 50.000 anni, molti piccoli stratovulcani si sono formati all’interno della caldera dell’ Old Ijen e ne hanno coperto i margini meridionali e orientali. Kawah Ijen copre parte del margine orientale. Migliaia di anni di intemperie hanno convertito i depositi piroclastici in terreni ricchi e fertili che ora supportano le piantagioni di caffè.

Il vulcano rimane tuttora attivo. L’ultima eruzione magmatica avvenne nel 1817. Altre eruzioni minori si sono verificate fino al 2002. Queste hanno causato pochissimi danni ma rappresentano comunque un pericolo per chiunque estragga zolfo o visiti la caldera.

 

Flussi acidi sotto la caldera

L’acqua entra nel lago della caldera come pioggia e come deflusso da un’area di drenaggio limitata. Acqua e gas entrano anche attraverso bocchette idrotermali sul fondo del lago. Raramente, l’acqua in eccesso scorre su uno sfioratore sul lato ovest del lago e nel bacino idrografico del fiume Banyupahit. “Banyupahit” è un termine locale che significa “acqua amara”.

 

 

Sharing is caring!

Autore dell'articolo: Valigia a Colori

Amo incredibilmente viaggiare, esplorare, conoscere, incontrare. Viaggio per dare forma ai miei sogni e mi piace raccontare il mondo che incontro o che vorrei scoprire con immagini, parole, emozioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × 4 =